Sito Ufficiale del Comune di Umbertide

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Umbertide

‹‹ Febbraio 2020 ››
L M M G V S D
         
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
 
Sei in: 
Home ›› Altre news ›› Giorno del Ricordo, avvenuta a Umbertide la cerimonia di intitolazione della via in memoria dei Martiri delle Foibe

Giorno del Ricordo, avvenuta a Umbertide la cerimonia di intitolazione della via in memoria dei Martiri delle Foibe

Il sindaco Carizia: "Questi drammi non devono essere dimenticati e non devono succedere più"

Cerimonia-intitolazione-via-Martiri-delle-Foibe

Con la cerimonia di intitolazione di una via in memoria dei Martiri delle Foibe nei pressi della zona degli impianti sportivi, Umbertide ha celebrato il Giorno del Ricordo, istituito nel 2004 al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle Foibe, dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

Cerimonia-intitolazione-via-Martiri-delle-Foibe-1

Alla cerimonia hanno preso parte il sindaco di Umbertide, Luca Carizia, rappresentanti dell'Amministrazione Comunale, il deputato Riccardo Augusto Marchetti, il comandante della locale Stazione dei Carabinieri, maresciallo Antonio Raganato e rappresentanti di associazioni combattentistiche.

L'evento è stato aperto con l'intonazione del “Silenzio” per poi proseguire con la lettura dell'iscrizione presente sulla targa della stele della Foiba di Basovizza.

Quindi il sindaco ha proceduto allo scoprimento della targa dedicata ai Martiri delle Foibe e al posizionamento di una corona di alloro in loro ricordo.

Cerimonia-intitolazione-via-Martiri-delle-Foibe-2

“Oggi ricordiamo tanti nostri connazionali che vennero gettati all'interno di queste profondissime cavità carsiche andando incontro a morti atroci o che dovettero lasciare le loro case semplicemente perché erano italiani – ha detto il sindaco nel suo discorso - Questi drammi non devono essere dimenticati e non devono succedere più. La democrazia è questa: è tutelare la libertà e la Repubblica in ogni circostanza. Questo deve essere il compito principale di noi istituzioni e di tutti coloro che hanno a cuore il vero emblema dell'Italia, che è il Tricolore”.