Sito Ufficiale del Comune di Umbertide

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Umbertide

‹‹ Ottobre 2019 ››
L M M G V S D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
 
Sei in: 
Home ›› Altre news ›› Le opere di Gino Covili tornano in Umbria dopo 30 anni, Umbertide prepara la grande mostra con i capolavori di uno dei pittori più significativi del secondo Novecento

Le opere di Gino Covili tornano in Umbria dopo 30 anni, Umbertide prepara la grande mostra con i capolavori di uno dei pittori più significativi del secondo Novecento

L'esposizione sarà un'opportunità non solo artistica per tutto il territorio umbertidese

1993_40_matreterra

Umbertide ospiterà una mostra interamente dedicata all'artista di fama internazionale Gino Covili. L'esposizione delle opere del

1977_42_escluso

“grande irregolare”, sarà un'opportunità, non solo artistica, per tutto il territorio umbertidese.

L'evento al quale si sta lavorando, con l'esposizione delle opere dell'artista espressionista modenese, si svolgerà a partire dal 21 marzo 2020 e avrà una durata di tre mesi. La mostra vedrà una profonda sinergia tra il Comune e il Campus “Leonardo Da Vinci”.

I capolavori dell'artista di Pavullo nel Frignano, uno dei pittori più rappresentativi del secondo Novecento, definito da molti il “Van Gogh italiano”, tornano in Umbria a distanza di 30 anni dalla mostra personale presso la Rocca Paolina di Perugia e a 26 anni dall'anteprima nazionale di Assisi, quando al santuario di San Damiano venne presentato il ciclo “Francesco”, che l'artista emiliano ha dedicato al Poverello.

A Umbertide, presso il Museo di Santa Croce e la Rocca-Centro per l'arte contemporanea, verranno ospitate 46 opere di Covili fra pitture e sculture.

1978_75_donneperdute

Nel corso della sua vita Covili, scomparso nel maggio del 2005, ha celebrato con la sua pittura la vita contadina, gli esclusi, i valori più popolari, affidandosi sempre, con forza, al sogno degli eroi di tutti i giorni: uomini e donne che non appaiono sui libri di storia ma che rappresentano un'epoca, non del tutto perduta. Covili, autodidatta, bidello del liceo di Pavullo nel Frignano, si è sempre espresso con uno stile personalissimo: ha raccontato emarginati, animali e natura, tutti ritratti in un mondo epico.

1972_5_ipendolari

Sarà l'occasione per coinvolgere, con un nutrito programma di iniziative collaterali, il mondo della scuola, dell'associazionismo, del volontariato e la cittadinanza tutta. Opere di Gino Covili sul ciclo dedicato a San Francesco saranno esposte nello stesso periodo della mostra umbertidese presso il Museo della Porziuncola di Assisi.