Sito Ufficiale del Comune di Umbertide

Salta ai contenuti
Sito Ufficiale del Comune di Umbertide
Sei in: 
Home ›› Città e territorio ›› Monumenti ›› Museo di Santa Croce

Museo di Santa Croce

Situato in piazza San Francesco

La-facciata-della-chiesa-di-S.-Croce

La facciata della chiesa di S. Croce

La-pala-del-Signorelli

La pala del Signorelli

Il-quadro-del-Pomarancio

Il quadro del Pomarancio

Il Museo, come lo vediamo oggi, è il risultato di una serie di interventi di ampliamento. Nell´area dove sorge l´attuale edificio si trovava una piccola chiesa, forse identificabile con quella ricordata dalle fonti con il titolo di SS. Pietro e Paolo, che già esisteva nel 1295. La chiesina, almeno dai primi del Trecento, doveva fungere da oratorio per la Confraternita dei disciplinati di Santa Maria (il primo documento sulla confraternita è del 1337), che gestiva anche un ospedale. E´ questa una delle tante associazione religiose di laici che, diffuse a partire dal XIII secolo, praticavano l´autoflagellazione, condividendo in questo modo le sofferenze di Cristo. La confraternita è ricordata per la prima volta con il nome di Santa Maria e Santa Croce nel 1340. Per tutto il Quattrocento non abbiamo informazioni precise sulla chiesa, mentre notizie più dettagliate si ricavano a partire dai primi del secolo successivo. Nel 1509 viene ultimata una casa sopra la chiesa, e di lì a poco (1515-16), a spese della confraternita, verrà commissionata la Pala della Deposizione a Luca Signorelli. Un ampliamento dell´edificio si effettua nel 1556, ed a tale scopo viene comprato del terreno ed " un muro" dai vicini frati francescani. Nella seconda metà del secolo la chiesa doveva aver raggiunto discrete dimensioni, tanto da poter contenere comodamente la grande " mostra" d´altare in legno, opera di un intagliatore marchigiano, realizzata tra il 1611 e il 1612 per accogliere la Pala del Signorelli. Tra il 1634 e il 1645 circa, con l´ultimo ampliamento e la definitiva ristrutturazione dell´edificio ad opera di Filippo Fracassini (nell´occasione viene anche acquistato dai frati il terreno dove sorgono la sacrestia ed il campanile), l´evoluzione della chiesa di Santa Croce può dirsi conclusa, se non per la facciata, dalle linee tardo-barocche, realizzata nel primo Settecento. Il Museo di Santa Croce La chiesa di Santa Croce, dopo il restauro e il ritorno ad Umbertide della " Deposizione dalla Croce" , capolavoro del grande pittore cortonese Luca Signorelli, è stata trasformata in un museo che viene utilizzato anche come auditorium e sala convegni. Oltre alla deposizione si può ammirare, in una sala interna, un grande quadro del Pomarancio " Madonna col Bambino in gloria tra angeli e santi" proveniente dall´attigua chiesa di San Francesco. Nel museo, dieci pannelli sistemati nella chiesa illustrano il percorso Signorelliano, il restauro della pala e la storia della chiesa stessa.

 

foto del quadro della Deposizione dalla Croce di Luca Signorelli presente all'interno del museo

quadro della Deposizione dalla Croce

La Deposizione dalla Croce fu Commissionata dalla Confraternita di Santa Croce al cortonese Luca Signorelli forse ancora entro il 1515, la tavola viene terminata nel 1516, data che

Scorcio-del-museo

Scorcio del museo

compare in basso a destra sulla cornice originale, inglobata successivamente nel grande complesso ligneo intagliato nel 1611-12. Realizzata in un lasso di tempo molto breve, mostra come il pittore fosse ormai a capo di una organizzata bottega, che collaborava alle numerose commesse assegnate al maestro. Il tema principale della tavola, la Deposizione dalla Croce, è qui inserito dall´artista in un contesto più ampio, quasi un piccolo ciclo che illustra i momenti salienti della Passione di Cristo. E´ probabile che tale scelta sia da riferire alla volontà della Confraternita, in seno alla quale il tema della Passione era particolarmente sentito e fatto oggetto, ad esempio in occasione delle festività pasquali, di vere rappresentazioni " teatrali" i cui testi sono stati parzialmente tramandati. La lettura del dipinto può iniziare in alto a sinistra, dove le tre croci piantate sul Golgota segnano il momento della Crocifissione. Si passa poi alla scena centrale, la Deposizione, cui assistono il gruppo delle Marie, a sinistra, la Vergine già svenuta a terra, e la Maddalena, ai piedi della croce, colta nel tenero e disperato gesto di raccogliere con la mano il sangue di Cristo. Il gruppo si chiude a destra con la figura di San Giovanni, al di sopra del quale si scorge l´ultimo momento del ciclo, con il trasporto del corpo verso il sepolcro, durante il quale il Cristo, irrigidito dalla morte, viene compianto dai suoi cari. I tre pannelli di predella, data l´intitolazione della Confraternita alla Santa Croce, sono dedicati alla leggenda del " Ritrovamento della vera Croce di Cristo" , nella versione proposta da un testo molto diffuso nel Medioevo, la " Legenda Aurea" di Iacopo da Varagine. Il primo episodio, (curiosamente il pittore lo inserisce nella tavoletta centrale, sulla metà di destra) risale ai tempi del re Salomone, quando la regina di Saba, sua ospite, per ispirazione divina si inginocchia ad adorare un tronco di legno che fungeva da ponte presso un corso d´acqua. Quello stesso tronco, molto tempo dopo, sarà utilizzato per costruire la croce di Cristo. La narrazione, a partire ora dalla prima tavoletta di sinistra, prosegue con le vicende legate all´imperatore romano Costantino (IV secolo d.c.) che, come gli era stato suggerito in sogno, mette in fuga le armate di Massenzio grazie all´esposizione di una croce d´oro. Una volta " convertito" , è sua madre Elena ad adoperarsi nella ricerca della vera Croce (tavoletta centrale); ritrovata sul Golgota, quella di Cristo viene riconosciuta rispetto alle altre due perchè, appena avvicinata ad un ragazzo morto, miracolosamente lo resuscita. Il racconto si chiude con un fatto avvenuto molto più tardi, nel VII secolo. Il re persiano Cosroe, conquistata Gerusalemme, si appropriò della Croce, che viene recuperata dall´imperatore Eraclio. Nella tavoletta di destra è raffigurato infatti l´ingresso trionfale della Croce in Gerusalemme, portata dallo stesso Eraclio. L´accesso alla città viene però impedito da un angelo, che invita l´imperatore a togliersi le vesti ed i calzari ed entrare in umili spoglie, esponendo la sacra reliquia. La vicenda artistica di Luca Signorelli Luca Signorelli (Cortona, 1445/50 -1523 ) figura tra i protagonisti della fase matura del Rinascimento, fase che coincide con i decenni finali del Quattrocento e l´inizio del secolo successivo. Nella sua lunga carriera opera al fianco e in competizione con i migliori artisti del momento (Perugino, Botticelli, Raffaello e Michelangelo), facendosi portatore di uno stile personale, caratterizzato da uno spiccato senso plastico e volumetrico. A determinare la fortuna del pittore, è la capacità di esprimersi in un linguaggio comprensibile, allo stesso tempo " monumentale" quanto " popolare" . Nasce artisticamente come allievo di Piero della Francesca, e gli insegnamenti del pittore di Borgo Sansepolcro, oltre ad improntarne I´ attività giovanile, torneranno di frequente ben riconoscibili nelle opere più mature. Non meno importanti saranno i contatti con l´ambiente di Urbino, ricco di stimoli per la presenza di pittori ferraresi, maestri fiamminghi, e dei più grandi architetti del momento, attivi intorno alla corte dei Montefeltro e al nuovo Palazzo Ducale. Della notorietà di cui il pittore godeva già intorno al 1480, sono testimonianza ben due commissioni papali per volontà di Sisto IV; la prima quando il pontefice lo chiama ad operare nella Basilica di Loreto, dove lascia gli affreschi della Sacrestia di San Giovanni; la seconda quando è invitato a far parte del gruppo di artisti impegnati nella grandiosa decorazione della Cappella Sistina, sotto la regia del Perugino. Nuovi stimoli il Signorelli troverà a Firenze, presso la corte di Lorenzo il Magnifico, colto mecenate e animatore di quel circolo di filosofi, letterati e artisti, che si riconoscevano nelle teorie filosofiche del neo-platonismo. Terminata nel 1492 la parentesi fiorentina, l´attività del pittore graviterà sempre più spesso in Umbria - notissima è la decorazione ad affresco della Cappella di San Brizio nel Duomo di Orvieto (1499-1504) - in particolare stazionando nell´area altotiberina, che ne aveva visto gli esordi. Qui, coadiuvato da una organizzata bottega, lascerà un cospicuo numero di opere con le quali, a volte riproponendo soluzioni già ampiamente sperimentate, altre offrendo proposte più originali, seppe comunque assicurarsi consensi di pubblico e numerosi " imitatori" . La Pala del Pomarancio La tela, raffigurante la " Madonna col Bambino in gloria tra Angeli e santi" , proviene dalla attigua chiesa di San Francesco, da dove è stata rimossa di recente per motivi di conservazione. In basso a sinistra si legge la firma dell´artista, Niccolo Circignani " de Pomarancio" , mentre sull´angolo opposto è la data di esecuzione, il 1577, ed il nome del committente, Cristoforo Martinelli. Nel gruppo della " Vergine col Bambino" Pomarancio riprende da vicino un´opera di un illustre collega, il pittore parmense Parmigianino, realizzata a Roma tra 1526 e 1527 per Maria Bufalini (membro dell´importante famiglia tifernate), ed arrivata solo più tardi a Città di Castello (in Sant´Agostino, ora emigrata a Londra). Del pittore parmense, Pomarancio coglie anche qualche nota di stile, come la tendenza ad allungare le figure; basti guardare il Bambino, slanciato ed elegante nelle movenze, ma, rispetto al sofisticato linguaggio di Parmigianino, più " naturale" nei sentimenti, esternati nel sorriso dolce ed affettuoso. In basso, i santi che assistono alla scena sono ben riconoscibili grazie ai loro consueti attributi iconografici. Il primo da sinistra è sant´Andrea apostolo, con la grande croce sulla quale subì il martirio. Anche il san Biagio che lo affianca, in abito vescovile, tiene in mano lo strumento con cui fu torturato, un pettine usato dai cardatori di lana. Segue il santo titolare della chiesa, san Francesco, con le stimmate, mentre l´ultimo personaggio a destra è san Sebastiano, martirizzato a colpi di freccia.

Per informazioni sull´orario di apertura: Tel. 075 9420147 - 075 9417099

 

 

Correlate